Le smagliature sono considerabili come vere e proprie cicatrici del derma e sono il prodotto di una combinazione di fattori che risiedono nella scarsa elasticità ed adattabilità della pelle ai cambiamenti repentini di volume, così come in fenomeni di celere dimagrimento o ingrassamento. Si presentano come inestetismi permanenti della pelle e, nel 99% dei casi, dall’aspetto dapprima rosso intenso che poi sbiadisce con il tempo nelle normali smagliature di colore più chiaro, tendente al bianco.

 

Le zone del corpo maggiormente soggette a smagliature sono: i fianchi, i glutei, le cosce, i seni e il ventre. Possiamo quindi meglio definirle come striae distensae, cioè alterazioni atrofiche, generalmente lineari, che riguardano lo strato dermico della cute. Le cause come già detto sono da ricollegare ai repentini cambi di peso del soggetto, i quali possono avvenire in generale durante la gravidanza per le donne, e durante l’adolescenza, in questo caso anche il sesso maschile può essere colpito dal problema.

Le smagliature sono facilmente visibili e si presentano comunemente in coppia o in numero di tre, essendo inoltre facilmente rintracciabili anche al tocco dal momento che la zona si presenta flaccida e poco elastica. Affidati al Medico Chirurgo Plastico Giovanni quaglieri per combatterle in modo mirato e soddisfacente.


TRATTAMENTI

Attualmente sono numerosi i trattamenti validi, proposti dalla medicina estetica, per raggiungere ottimi risultati contro le smagliature: a partire dall’utilizzo della tecnologia laser, come i laser frazionali o infini, ancora, trattamenti come il peeling chimico o addirittura l’iniezione sottocutanea di sostanze ad azione biostimolante o bioristrutturante.
A consigliarvi la soluzione migliore sarà sempre il Medico Chirurgo Plastico Giovanni Quaglieri.

Il laser frazionato

Lo strumento è basato sulla produzione di un'energia con una tale frequenza da non essere percepito dall’occhio umano. Tale energia, viene fatto scorrere sulla zona da trattare e agisce al livello del derma che viene così disgregato, stimolando così la produzione di nuove cellule del tessuto. La sensazione che si avverte è di un leggero fastidio come se numerosi aghi penetrassero all’interno della pelle, ma è un fastidio del tutto sopportabile. Più precisamente l'energia prodotta agisce in corrispondenza dei fibroblasti, particolari cellule situate nel tessuto dermico, che hanno il compito di stimolare nuovo collagene, il quale andrà a sostituire quello vecchio, ridonando così nuova lucentezza ed elasticità alla pelle. Il trattamento è molto breve ed è svolto completamente in ambulatorio senza il bisogno di ricovero o determinati accorgimenti. Sarà il medico chirurgo Quaglieri a stabilire il numero di sedute da praticare, soprattutto in base alla natura del problema e della regione sulla quale intervenire, attraverso una visita di controllo, in cui analizzerà attentamente la natura della pelle del paziente e la necessità o meno ad agire.